Meet the brand: Lebor Gabala

Meet the brand: Lebor Gabala

Com’è tenera (e romantica) la donna Lebor Gabala. Sono i fiori il tema dominante della nuova collezione, tra seta, velluto e cashmere. Per capi senza tempo*

Una cascata di fiori. Gigli, garofani, rose, tutti protesi verso il sole. Perché è soprattutto d’inverno che i fiori vanno in cerca del sole. E in fondo anche noi, no? Per questo Lebor Gabala, brand spagnolo (per la precisione, di Barcellona), si è ricordato di una canzone di Jeff Buckley, “All flowers in time bend towards the sun”, per comunicare il senso della nuova collezione invernale.

lebor gabala

lebor gabala
Lebor Gabala – A/W collection

Un mix di tenerezza e ottimismo, ma anche malinconia, come sono (erano) le canzoni di Jeff Buckley, il tutto declinato essenzialmente in due mood: uno più moderno, contemporaneo e sportivo, in cui predominano materiali come il neoprene o il mouflon (quel tessuto che si ricava dalla tosatura del muflone, che ha un pelo lungo soffice, morbido e arricciato e cade come una frangia); l’altro più poetico e romantico, che si basa tessuti leggeri e delicati come lo chiffon, la maglia e soprattutto il velluto, che da alcune stagioni sembra conoscere un vero e proprio revival (ormai viene utilizzato per gli abiti ma anche per calzature e accessori).

lebor gabala
Lebor Gabala – A/W collection

 

lebor gabala
Lebor Gabala – A/W collection

E, appunto, fiori dappertutto, che si arrampicano alla ricerca del sole invernale. Su camicie e bluse in chiffon crescono ghirlande di fili dorati e bordure; la lana è impreziosita da disegni floreali in stile liberty; abiti e “pigiami” sono letteralmente invasi da gigli, garofani e rose. A contrasto di tanta leggerezza e tenerezza e a ricordarci che siamo pur sempre in inverno e non in primavera, i colori della collezione di Lebor Gabala sono profondi e intensi: blu, bordeaux, rosa, verde petrolio, marrone, arancio stendono un velo di (ottimistica) malinconia sulla lana (merino e cashmere), la seta e, novità della stagione, il lino accoppiato alla lana, oltre che, come detto, il velluto, utilizzato per realizzare pantaloni e giacche dalle linee morbide e fluttuanti.

lebor gabala
Lebor Gabala – A/W collection

La donna Lebor Gabala appare, così, un po’ misteriosa, indecifrabile, ambigua. E questo non è certo casuale, visto che il nome del marchio è l’adattamento fonetico di “Leabhar Ghabhála Erenn”, il titolo di una raccolta (perduta) di storie e miti celtici che narra la fondazione dell’Irlanda e dei suoi popoli. Il brand però è Spagna pura e sta conquistando pubblico sia in patria che a livello internazionale grazie alla meticolosa mano creativa della designer Maite Muñoz. Dopo anni di esperienza nell’industria tessile Maite Muñoz ha deciso di dedicare tutte le sue energie ad un proprio progetto, un marchio basato sulla maglieria. Da allora sono passati vent’anni e in questa sua lunga storia Lebor Gabala ha saputo via via adattarsi all’estetica contemporanea, ma senza farsi travolgere dalle tendenze e realizzando capi dallo stile senza tempo. Ecco perché ogni pezzo delle diverse collezioni Lebor Gabala non è fine a se stesso, ma è concepito come un pezzo basico del guardaroba, da riscoprire e indossare di nuovo stagione dopo stagione.

lebor gabala
Lebor Gabala – A/W collection

Questa allure timeless è ciò che sta rendendo il brand un punto di riferimento nella moda femminile, accanto, naturalmente, alla qualità delle creazioni, delle rifiniture e del design e alla grande attenzione al dettaglio.

*pubblicato su Switch-magazine.net

Happy week

…and remember: age does not matter

 

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: