Ana Segurado, il “cruelty free” si fa glam

Ana Segurado, il “cruelty free” si fa glam

La collezione primavera estate 2016 di Ana Segurado si chiama Essential ed è interamente realizzata in Portogallo con materiali ecosostenibili e animal friendly.*

Il fenomeno della moda “cruelty free” o “animal friendly”, cioè che impiega materiali non derivati da alcuna forma animale e che dunque non implica sofferenze e/o morte di alcun essere vivente, è sempre più diffuso, fino ad arrivare alle alte vette dell’haute couture. Sono molti, ormai, gli stilisti che, pur non aderendo al cento per cento a questa filosofia, creano capsule con materiali alternativi come il pvc per borse e scarpe invece della pelle, o scelgono di dire addio alle pellicce (ultimo in ordine di tempo Armani) o puntano sui piumini sintetici (Stella McCartney).

ana segurado cruelty free

Il tutto a smentire, se ancora ce ne fosse bisogno, il luogo comune in base al quale o si è alla moda, chic e glamour o si difendono la natura, l’ambiente, gli animali. Poi c’è tutta una schiera di nuovi stilisti e designer emergenti che invece del “cruelty free” hanno fatto una scelta di fondo, come Tiziano Guardini, lo “stilista della natura” che utilizza materiali come la seta non violenta. O come Ana Segurado.

ana segurado cruelty free
collezione SS2016
Ana Segurado è una giovane e talentuosa stilista portoghese, vincitrice del primo premio del Young Fashion Designers Contest a Modtissimo Portugal, che ha sfilato per la prima volta al Portugal Fashion nel 2012. Cuore, essenza, per dir così, delle sue creazioni è proprio la speciale attenzione per la sostenibilità ambientale dei materiali utilizzati, che sono esclusivamente fibre naturali o tessuti tecnici per sostituire la pelle animale o la pelliccia, il tutto unito a qualità e comodità, perché per Ana Segurado i vestiti devono essere come una “seconda pelle”. Manco a dirlo, ogni capo è realizzato a mano nello studio della designer, a Oporto, con lo scopo anche di sostenere l’artigianalità portoghese.
ana segurado cruelty free
collezione SS2016
ana segurado cruelty free
collezione SS2016

La collezione per la primavera estate 2016 si chiama Essential ed è realizzata a partire da un denim destrutturato e stampato. Ana Segurado si è lasciata ispirare dal modo di vivere e pensare di donne dal carattere forte e deciso, come Patty Smith, Joan Didion, Edith Piaf, per una collezione che è a metà tra l’alta moda e lo street style, con richiami a influenze giapponesi e allo stesso tempo al minimalismo e alla semplicità, essenzialità appunto, nordiche. La collezione di Ana Segurado per questa primavera-estate comprende infatti capi versatili che possono essere abbinati e “stratificati” tra loro, come abiti, giacche-kimono, mantelle, maglie, gonne e top.

ana segurado cruelty free
collezione SS2016
Ana Segurado rompe le regole non solo per l’uso di materiali alternativi, ma anche per quanto riguarda il design, tagliando in modo asimmetrico, esplorando nuove forme e lasciandosi guidare dall’intuito. Tritura e sfilaccia il denim e crea micromotivi jacquard che arricchiscono di dettagli il vestito o la t-shirt, ma mantenendo comunque uno stile semplice e easy-to-wear, mentre la stampa washed rende i capi più sofisticati e femminili. Stampe, per altro, ispirate a India Flint, una artista dei tessuti australiana, e alla sua serie di lavori Sense of Place, disegni che traggono spunto dalla natura e dalla terra; da ciò che ci circonda, insomma. E così il ciclo si chiude.
*pubblicato su Switch-magazine.net
il 14.05.2016

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: