Cristina F

Per un inverno con stile si può agevolmente puntare sul made in Italy (e senza spendere necessariamente un capitale).

Cristina Effe (cioè Cristina Fava) è sulla breccia da oltre vent’anni, rimanendo fedele alla sua impronta di eleganza e femminilità. E anche la collezione autunno-inverno 2015/2016 non si smentisce. Dall’outfit più sofisticato a quello più sbarazzino, il leit motive è sempre lo stesso: attenzione ai dettagli, sartorialità, ricercatezza nei materiali, rifiniture preziose. Perché l’idea è proprio quella: andare incontro ai gusti della donna moderna, che cerca praticità e comodità, ma senza rinunciare a eleganza e raffinatezza. In breve: «Uno stile casual ma sofisticato, urbano ma cosmopolita».

Così ecco le felpe gioiello, in tessuto scuba con stampe a tinte vivaci impreziosito da ricami (rigorosamente a mano), paillettes e strass, accanto ai capi passpartout come tubini, bluse, top e camicie, gonne pencil o a ruota (le une e le altre per valorizzare le diverse fisicità femminili); i cappotti in tessuti tecnici (caldi e leggeri), in colori forti come il blu elettrico o il rosso, accanto agli abiti sartoriali in prezioso power stretch a blocchi di colore cipria/nero. Il tutto accompagnato da un’attenta selezione di accessori coordinati, perché, come si sa, è il dettaglio che fa la differenza: borse, portafogli, ma anche sciarpe e berretti (originali quelli in lana col ponpon impreziositi e resi glamour da una veletta).
La collezione è declinata in cinque mood, che si possono facilmente mischiare tra loro per personalizzare il proprio look. Il più classico “Fifty’s Chanel” è un omaggio (in chiave moderna) a Madame Coco: bianco e nero, ricami di catene e applicazioni di perle, bordi di pelliccia, outfit da sera (con gonne “allungabili” applicando un velo di chiffon) e da giorno, nei quali domina la seta. Anche nella linea “Sartoriale” dominano i tessuti preziosi («E sarà così sempre di più – dice Cristina Fava – perché i tessuti tecnici sono belli, ma a fare la differenza sono sempre le fibre naturali e preziose») impunturati a contrasto; cachemire e merinos; silhouette a matita; ispirazione vintage, piumette e fiori.

A contrastare questo bon ton style, ecco l’ecopelle, il vinile e i dettagli in metallo della linea “Lady Rock”; l’abbinamento «azzardato» rosso-rosa acceso della linea “Azalea-Rosso”, per spazzare via la noia dei soliti look (e il grigiore dell’inverno); l’allegria del tessuto scuba stampato con strass e piumette, i tubini e le gonne a ruota in tessuto hi-tech e pizzo, i maglionicini in angora blu inchiostro della linea “Gufo” (per un inverno fortunato).

Nell’attesa che arrivi di nuovo il freddo (non c’è fretta…), ecco una mia prima incursione nel mondo di Cristina F: una blusa bianca con frange sulle spalle. Imperdibile!

Shirt: Cristina F
Hat: Banana Republic
Necklace: Comptoir Des Cotonniers

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: